.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
politica interna
28 giugno 2008
In morte dei Verdi
Roma, 28 giu. (Apcom) - Il Pd organizzerà "una grande convention del governo-ombra aperta ai Verdi" per discutere dello sviluppo sostenibile e sulle energie alternative nella quale verrà presentato "il documento elaborato sul nucleare da Ermete Realacci e Matteo Colaninno, un testo non ideologico che rappresenta un punto di sintesi delle nostre diverse culture". Lo ha annunciato Walter Veltroni intervenendo all'assemblea degli Ecodem, dove erano presenti anche Angelo Bonelli e Paolo Cento.

Questa notizia riportata da varie agenzie di stampa rappresenta la morte di un partito. I Verdi invece di "scontrarsi" al loro interno, traendo beneficio dal confronto serrato tra le varie anime del partito scelgono, come sempre negli ultimi anni, di nascondere le differenze raggiungendo un compromesso al ribasso che ha come unico risultato il liquefarsi all'ombra del Pd, quel partito che a detta dei vertici Verdi (per me ha rappresentato solo una concausa) ha rappresentato la causa principale del disastroso risultato elettorale (il fantomatico voto utile caro a Veltroni). Un partito, il Pd, che è lontano anni luce dalla cultura ecologista, un partito che ha le stesse deleterie ricette su ambiente ed energia del Pdl, un partito che ha reintrodotto i Cip 6 in questa legislatura.
La mozione Ritorno al futuro (la mozione che vincerà il congresso farsa dei Verdi) rappresenta davvero la cultura gattopardesca che sembra l'unica stella polare che guida i vari caporali che gestiscono il partito. Per loro bisogna fingere di cambiare tutto per non cambiare nulla, solo in questo modo possono nutrire qualche speranza  di tornare a occupare qualche poltrona (nel loro caso va bene anche una seggiola). Ho sempre criticato la gestione del partito da parte di Pecoraro Scanio, ma ora è chiaro che lui rappresentava bene tutto il gruppo dirigente, nessuno escluso.
A questa farsa io non partecipo. In questo ultimo periodo tra la nascita del mio piccolo Yari e la febbre che ha colpito la piccola Luna e che ancora non è sparita, non ho avuto tempo da dedicare al mio partito, ma ora vedo che non è più necessario, se i Verdi ritengono giusta questa strada vuol dire che è inutile continuare a stare in un partito del genere...aspetto il 20 luglio sperando in uno scatto di orgoglio dei veri ecologisti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Verdi

permalink | inviato da chemako il 28/6/2008 alle 16:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
politica interna
22 giugno 2008
Giuro (il falso) sui miei figli
I due piccoli della tribù dormono ed io ho un po' di tempo per scrivere sul blog.
In questi giorni il prescritto fai da te di Arcore ha mostrato il suo vero volto, per lui governare è funzionale a "tutelare" i propri interessi. All'inizio della  legislatura, una non opposizione del Pd e un non giornalismo dei maggiori quotidiani italiani, aveva fatto passare il messaggio "Berlusconi è cambiato, finalmente è diventato uno statista". Questa tesi idiota è stata il motore dell'azione della carnevalata politica che ha accompagnato gli italiani dalle votazioni ad oggi. Il risultato di questa duplice azione dei giornali e del Pd ha raggiunto un solo risultato: il sostegno dell'opinione pubblica nei confronti di Berlusconi è aumentato e questa certezza ha spinto Berlusconi a mostrarsi senza veli. Nel suo delirio di onnipotenza il "prescritto fai da te" di Arcore ha ritenuto che ogni italiano fosse dalla parte dei sui interessi personali e ha sguinzagliato i suoi dipendenti parlamentari per far approvare una serie di norme a suo esclusivo vantaggio: salva Rete 4, lodo Schifani, tentativi di ricusazione, intercettazioni e potrei continuare. Tutte riedizioni delle varie proposte che Berlusconi e i suoi srvili dipendenti avevano già provato ad ottenere nel passato in forma meno appariscente. Oggi non ha nessun freno, lui deve ottenere tutto e subito "tanto gli italiani sono con lui e l'opposizione non esiste". Tutto sarebbe passato sotto il silenzio del Pd se Berlusconi non avesse esagerato e dopo aver vinto a Roma, con il fido Alemanno, non avesse attaccato il duo Rutelli-Veltroni sul bilancio capitolino. Veltroni, uomo mite e paziente (la sua speranza è sostituire Berlusconi quando questi passerà a miglior vita), ha reagito e toccato nel vivo ha tentato di rispondere ricordando a Berlusconi il fallimento dei precedenti 5 anni di governo della casa cirocondariale delle libertà. Walter Veltroni solo ora si ricorda di chi è realmente Berlusconi, gli italiani onesti sanno da sempre chi è Berlusconi, evidentemente gli italiani onesti sono diversi da Veltroni.
In tutto questa storia da padre provo affetto per i figli di Berlusconi, per l'ennesima volta quel padre indegno ha giurato il falso sulle proprie teste.
Altra chicca di questi giorni è la lista dei componenti della Direzione nazionale del Pd, tra i tanti vecchi nomi due mi colpiscono in particolare: la coppia più cara per gli italiani non rinuncia a nulla, Fassino e Serafini sono la coppia d'oro anche in questa lista.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi fassino serafini veltroni veltrusconi

permalink | inviato da chemako il 22/6/2008 alle 11:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
vita familiare
9 giugno 2008
Blog momentaneamente chiuso
Il blog è momentaneamente chiuso, la mia tribù si è ingrandita, da stamattina alle 6:55 Yari è venuto al mondo.
Yari pesa 4,030 chili ed è lungo 53 centimetri.
Tornerò a trovarvi sui vostri blog quando troverò un momento tra i pannolini di Luna e quelli di Yari.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Yari Luna

permalink | inviato da chemako il 9/6/2008 alle 14:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
politica interna
8 giugno 2008
La Carfagna e la sobrietà: un ossimoro


Queste sono foto di una ministra sobria e di partecipanti al Gay Pride. Una delle persone in foto dice che i gay non sono discriminati e che "il convincimento mio personale e delle istituzioni governative che in una società evoluta non c'è spazio per ogni tipo di discriminazione; pertanto anche l'omofobia va contrastata con la forza dell'educazione civica e del rispetto. lA questo atteggiamento deve corrispondere la sobrietà delle manifestazioni della comunità omosessuale che non dovrebbe mai scendere nell'esibizionismo e nel folklore".
Lo so è difficile capire chi tra le persone in foto possa parlare di sobrietà. Comunque voglio ricordare a colei che ha detto la frase il significato della parola sobrietà come riporta il De Mauro, uno dei migliori dizionari della nostra lingua: 2a estens., estrema essenzialità e semplicità nello stile di vita e nelle abitudini di una persona.
Ora che un personaggio diventato famoso soltanto per la sua presenza fisica e per aver avuto negli anni un comportamento opposto alla definizione di sobrietà mi sembra assurdo, ma nell'Italia veltrusconiana tutto questo assurdo è triste realtà.

PS: il "prescritto fai da te" di Arcore ha detto niente più intercettazioni, galera per tutti quelli che oseranno indagare utilizzando uno strumento fondamentale. Prima di parlarne aspetto di vedere il testo di questa indecente e criminale proposta.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. omofobia gay pride Carfagna

permalink | inviato da chemako il 8/6/2008 alle 10:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
politica interna
5 giugno 2008
Viva l'Italia, viva il paese dell'ipocrisia

Un bestia ha violentato e messo incinta una ragazzina di 13 anni. Appena saputo la notizia mi sono messo alla ricerca di notizie convinto di trovare agenzie nelle quali si leggeva di Fini e Bossi che chiedevano la castrazione chimica per questo schifoso essere vivente; di Borghezio, La Russa e Calderoli che auspicavano la pena di morte o quantomeno di cacciare dall'Italia questo violentatore di bambini; di Castelli e Maroni a capo di squadriglie leghiste, pronti a linciare il criminale; di Berlusconi e Fede pronti a dare la colpa ai soliti comunisti che con la loro politica degli ingressi facili hanno permesso a certi individui di venire in Italia e violentare i nostri figli...niente di tutto questo, nessuna notizia del genere...poi ho letto che la bambina violentata era marocchina e il violentatore non è uno "sporco extracomunitario", ma un italiano, perfino lumbard ed è stato chiaro che i forconi e i fucili della destra e della lega non possono essere usati contro un lumbard. Viva l'Italia, viva il paese dell'ipocrisia.




permalink | inviato da chemako il 5/6/2008 alle 17:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
politica interna
3 giugno 2008
Chicco Testa: un nome nuovo per Zelig

Vorrei chiedere all'autore di questo monologo dell'assurdo di poterlo far visionare agli autori di Zelig, potrebbe diventare la star della nuova edizione.
"Mio figlio corre piu' rischi col motorino che col nucleare". "In cinque anni sarà impossibile, ce ne vorranno almeno sette. Il problema non è il nucleare, ma l'Italia. Come dimostra il caso dei rifiuti di Napoli. In tutto il mondo si fanno termovalorizzatori, perché lì no? Possibile che si debbano militarizzare i rifiuti?". Ma Chicco Testa è ancora ambientalista?
"Sì, l'ambientalismo non è una setta religiosa, nessuno ha l'esclusiva. Nel nostro mondo ci sono sempre state due tendenze: una catastrofista e conservatrice, l'altra che vede vantaggi nello sviluppo tecnologico".
Questo tragicomico dottore in Filosofia "esperto" per grazia politica di energia, si spende ogni giorno per il ritorno del nucleare in Italia. Da quando è stato "ingaggiato" dalla lobby del nucleare trova spazio su ogni giornale, in ogni trasmissione televisiva. La sua tattica è sempre la stessa, si dichiara subito ambientalista, per poi sparare una serie di fesserie sull'ambiente e sull'energia da far impallidire chiunque abbia una minima informazione sull'argomanto.
Dobbiamo stare attenti ai vari chicchitesta che vengono sguinzagliati per far passare il messaggio che il nucleare e gli inceneritori (nella versione testiana si chiamano termovalorizzatori) sono belli e salutari. L'opera di questi pseudo esperti è soltanto funzionale agli interessi economici di chi vuole arricchirsi fregandosene della salute dei cittadini.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nucleare inceneritore chicco testa

permalink | inviato da chemako il 3/6/2008 alle 9:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
2 giugno 2008
Non possiamo mai abbassare la guardia
Non dobbiamo mai sottovalutare ogni forma d fascismo

Antifascismo sempre

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. antifascismo

permalink | inviato da chemako il 2/6/2008 alle 10:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics