.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
11 dicembre 2014
Il DNA del malaffare


C'è una linea color diarrea che lega lo scandalo Mose, Expo, infiltrazioni della ‘ndrangeta al nord e Roma, una sorta di DNA del malaffare e della pessima politica. Questa doppia elica è formata da PD, Forza Italia (con annessi partiti minori), criminalità organizzata e stampa servile.

Questo sistema sta sistematicamente distruggendo il nostro paese e sta cancellando anche la speranza per le nuove generazioni.

I rom e gli extracomunitari (ci sono anche delinquenti abituali tra rom e migranti, basterebbe un controllo immediato, ma la politica corrotta non dà strumenti idonei alle forze di polizia per controllare chi davvero è un delinquente, d'altronde un delinquente sta scrivendo la nostra costituzione) che delinquono sono la conseguenza non la causa, la causa è la politica malata che si accorda con la criminalità (spesso sono un corpo unico) sfruttando persone che vivono in condizioni disumane, per poi alimentare una guerra tra poveri.

Ieri dopo un silenzio ingiustificabile il peggior presidente della fu repubblica italiana ha parlato. Non ha attaccato i partiti per il loro squallido lucrare su tutto, sofferenza e povertà compresa, ha detto che il problema è l'antipolitica, quindi nella sua visione pro partiti, il M5S soprattutto. Stessa opinione di Buzzi (nelle intercettazioni lo dice a Carminati “Il problema è che non ci stiamo più noi … una cosa incredibile… Grillo è riuscito a distruggere il Pd“.) che vede Grillo e il M5S come unico ostacolo al proliferare degli affari tra politici e delinquenti (la "e" in questo caso è superflua).

Napolitano sembra lo zio/avvocato (l’attore Paolo Bonacelli) che nel film Johnny Stecchino nel dialogo con Dante (Roberto Benigni) afferma <<Nel mondo siamo conosciuti anche per qualcosa di negativo... quelle che voi chiamate piaghe... una terribile, e lei sa a cosa mi riferisco: l'Etna, il vulcano, ma è una bellezza naturale... ma ce n'è un'altra grave che nessuno riesce a risolvere, lei mi ha già capito... la Siccità.. la terra brucia e sicca, una brutta cosa... ma è la natura... e non ci possiamo fare niente... ma dove possiamo fare e non facciamo, perché in buona sostanza, purtroppo non è la natura ma l'uomo... dov'è? È nella terza di queste piaghe che veramente diffama la Sicilia e in patticolare Palemmo agli occhi del mondo... ehh... lei ha già capito, è inutile che io glielo dica... mi veggogno a dillo... è il traffico! Troppe macchine! È un traffico tentacolare, vorticoso, che ci impedisce di vivere e ci fa nemici famigghia contro famigghia, troppe macchine!>>.

Purtroppo non stanno scrivendo la sceneggiatura di una commedia cinematografica, ma stanno scrivendo il presente e il futuro di quello che un tempo era conosciuto come "il Bel Paese" e oggi è conosciuto come MafiaCapitale.

8 novembre 2013
O Grillo o Alba dorata
La Storia insegna sempre, basta studiarla.



L'Italia e la Germania negli anni '30 del secolo scorso erano paesi in crisi profonda, il patire la fame era una realtà concreta per moltissime persone.
Due paesi in crisi che, come appunto la Storia insegna, si sono aggrappati a due uomini "forti", due criminali, per potersi risollevare. I risultati sono stati: morte, povertà e ancora più fame.
Un popolo affamato (oggi questa è l'Italia) si aggrappa all'uomo forte, al dittatore pronto a parlare alla pancia che ha fame, ma che come sempre ha i propri interessi personali o la sua follia come stella polare.
In Italia per ora questo non è successo perché Beppe Grillo ha intercettato parte dell'elettorato stanco di questa situazione che vede partiti di ladri (aspettiamo l'evolversi dell'inchiesta sui biglietti falsi dell'Atac, stampati dai partiti per fare altri soldi per avere ulteriore conferma che i partiti sono associazioni di delinquenti) continuare ad arricchirsi a scapito del Popolo.
Per fortuna Casaleggio e Grillo hanno convogliato protesta e proposta in un contenitore.
I parlamentari del M5S sono gli unici liberi, basta avere l'onestà di ascoltare i loro interventi e non i resoconti grotteschi della stampa di regime (viviamo in un regime, dove una piccola oligarchia economica usa i fantocci dei partiti e dell'informazione per arricchirsi ai danni del Popolo). Alcuni parlamentari del movimento sono a volte talmente ingenui da sembrare ridicoli, ma questo rafforza la novità rivoluzionaria che sta alla base del M5S: tutti possono fare politica.
Chi disprezza ogni forma di dittatura dovrebbe ringraziare Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, senza di loro oggi in Italia ci sarebbe Alba Dorata,  perché siamo talmente nella merda che molti italiani si sarebbero aggrappati a quel tipo di "speranza" e questo rischio esiste ancora.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. beppe grillo casaleggio m5s alba dorata

permalink | inviato da chemako911 il 8/11/2013 alle 6:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
POLITICA
8 maggio 2012
Movimento 5 stelle: il vento che spazza la casta.

Aveva ragione Grillo nel 2010 “né destra, né sinistra. Semplicemente in alto.”

Non si può parlare di anti politica, di Grillo un misto tra gabibbo e il primo Bossi, come fa D'Alema.

Il M5S è la risposta dei cittadini all'antipolitica rappresentata da questa accozzaglia di parlamentari e segretari di partito che non rappresentano più nessuno. Le primarie sono uno strumento offeso e calpestato dallo stesso centro sinistra (prima a Napoli, poi a Palermo, ad esempio), diventano vincenti quasi esclusivamente quando a vincerle è un candidato non sostenuto dal Pd (Vendola, De Magistris, Pisapia, Doria). Palermo è l’ennesima prova che quando i maggiorenti del Pd si muovono per sostenere un candidato, il risultato è il crollo del consenso (prima son riusciti a far perdere Rita Borsellino, poi hanno travolto Ferrandelli, sostenendolo contro Orlando).

I partiti non hanno capito il valore della rete, ormai chiunque può analizzare l'operato di ogni amministratore; Sindaci e amministratori capaci trovano spazio e fanno "scuola", a prescindere, come direbbe Totò e una mia cara amica, dal colore politico. Luca De Carlo, Michele Tripodi, Domenico Finiguerra (già grande Sindaco di Cassinetta e purtroppo per solo 16 voti escluso dal ballottaggio ad Abbiategrasso), Marco Boschini, Giovanni Favia, Ezio Orzes e potrei citarne tanti altri, sono esempi di buona Politica, esempi da seguire; persone con idee politiche spesso divergenti e in alcuni casi opposte, ma che hanno una qualità che li unisce: essere ottimi amministratori.

Queste elezioni hanno mostrato la pochezza dei partiti della cosiddetta seconda repubblica (personalmente mi sembrano solo la continuazione peggiorata della prima repubblica) e la nascita di un movimento che partendo dal basso ha spiazzato apparati di partito vecchi e inefficienti, ora bisogno solo continuare ad essere vigili e non dare spazio a questa casta arroccata nel palazzo, che tenterà qualche colpo di coda.

Un discorso a parte merita la nostra provincia di Frosinone. Da noi questo vento di cambiamento non riesce a spirare, da noi trionfa sempre la politica del <<voto chi mi può dare qualcosa>>. Da noi sono sempre gli stessi personaggi (a volte cambiano solo faccia, ma il metodo è lo stesso) a farla da padrona e reputo per questo buono il risultato del M5S a Frosinone, dove a giocarsi la poltrona di sindaco sono stati concretamente un candidato eternamente bocciato dagli elettori per il centrodestra, un sindaco uscente che ormai non può che rappresentare il declino della città visto che da tre mandati (due da vice sindaco) amministra il comune e l'ex sindaco che dopo essersi presentato come presidente della Provincia sostenuto dall'Udc ha dichiarato che la stessa è un ente inutile (che differenza con il M5S, anche loro sono, giustamente, contro le provincie, ma coerentemente non si candidano nelle elezioni provinciali).

In questa situazione raccogliere circa 660 voti per la candidata sindaco del M5S, Enrica Segneri è un buon risultato.

Il risultato più bello a livello nazionale è rappresentato dal fatto che i cittadini si sono ripresi il diritto di candidarsi, la possibilità di amministrare e di dimostrare che fare buona Politica è possibile.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. M5S movimento 5 stelle Beppe Grillo

permalink | inviato da chemako911 il 8/5/2012 alle 8:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        marzo


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics