.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
politica interna
21 settembre 2008
Degasperi tra il concreto collaboratore della mafia prescritto e il fascista
A Cervaro (FR) il coordinatore del gruppo politico "il Cervo", l'ex sindaco Giovanni Marrocco, padre dell'attuale sindaco Ennio ha organizzato un convegno sulla figura e l'eredità politica di Alcide Degasperi.
Fin qui tutto normale, è giusto in questo periodo di pochezza culturale e politica dei figuranti che siedono in Parlamento ricordare la figura di grandi politici del passato. La cosa grave è aver invitato il concreto collaboratore della mafia prescritto Andreotti e il fascista nominato parlamentare Ciarrapico in qualità di relatori.
Andreotti non è intervenuto adducendo motivi di salute, come riferisce la cronista di uno dei giornali di Ciarrapico (per meglio dire di uno dei giornali che finanziamo noi con le nostre tasse); Ciarrapico invece non si è fatto scappare l'occasione per pontificare le lodi del ventennio fascista.
Come si fa ad invitare un fascista a parlare di Degasperi, l'uomo che si oppose all'avvento del fascismo finché, isolato dal regime, fu arrestato alla stazione di Firenze l'11 marzo 1927, insieme alla moglie, mentre si stava recando in treno a Trieste. Al processo che seguì venne condannato a 4 anni di carcere e ad una forte multa. Dopo la scarcerazione, alla fine del luglio 1928, venne continuamente sorvegliato e dovette trascorrere un periodo di grandi difficoltà economiche e isolamento morale e politico, senza un lavoro.

P.s.: per capire che razza di persone sono i fascisti di oggi, "degni" eredi di quel regime vigliacco andate su questo blog, vi avverto il blogger sa solo insultare e minacciare (stile bimbi delle elementari) chiunque non si allinei al suo "pensiero" unico.
politica interna
16 settembre 2008
camerata vs camerata

Le parole di Fini sui repubblichini di Salò "Non si può equiparare chi combatteva per una causa giusta di uguaglianza e libertà e chi, fatta salva la buona fede, combatteva per la parte sbagliata" e sulla destra di oggi "Sono convinto e non da oggi che la destra politica italiana e i giovani devono riconoscersi in alcuni valori: i valori della libertà, quello dell'uguaglianza e della giustizia sociale. Sono valori tipici di ogni democrazia e a pieno titolo antifascisti"  hanno scatenato i nostalgici della dittatura fascista.
Sicuramente Fini sta cercando di crearsi lo spazio per sostituire l'anziano duce di Arcore e quindi queste parole sono dettate da opportunismo politico (lo stesso opportunismo utilizzato per sbarazzarsi dell'altro delfino Casini, quando finse di allearsi per poi scaricarlo e ritornare alla corte di Berlusconi). La cosa che più mi fa schifo è leggere le dichiarazioni del camerata Alemanno, che da sindaco della capitale d'Italia si permette di giustificare il fascimo, del camerata La Russa che da ministro della Repubblica si permette di difendere i repubblichini, nemici della repubblica Italiana. A questa serie di dichiarazioni assurde non poteva mancare il contributo del camerata senatore Ciarrapico (l'uomo che ha organizzato la presentazioni degli infami libri di Pansa). Ciarrapico utilizzando la serie di giornali locali che possiede, grazie ai contributi pubblici, sta dando spazio a chiunque contesti Fini e magnifichi il ventennio fascista e Mussolini. Ogni giorno i suoi giornali sono pieni di articoli a favore del fascismo.
Anche di questo bisogna ringraziare il "prescritto fai da te di Arcore", solo lui poteva nominare il peggior camerata vivente senatore della Repubblica, quella stessa repubblica che i suoi camerata volevano non nascesse.

politica interna
31 luglio 2008
Vogliono Ciarrapico santo subito

Nella mia zona, a San Giorgio a Liri (FR) il circolo di Forza Italia ha organizzato la loro festa. La stampa locale (in mano al fascista Ciarrapico) ha dato loro molto spazio. Voglio evidenziare una parte dell'articolo fatto pubblicare dal loro coordinatore comunale, Achille Longo "Un pensiero particolare al senatore Giuseppe Ciarrapico, per la vicinanza e il sostegno nonostante i lavori al senato per il lodo Alfano e altre importanti votazioni non abbiano consentito la sua presenza." L'articolo continuava evidenziando che il coordinamento di Forza Italia ha dedicato al fascista Ciarrapico una targa "Al Senatore Presidente Giuseppe Ciarrapico per l'impegno profuso nello sviluppo del territorio in campo imprenditoriale, sociale, culturale ed editoriale, restituendo con i suoi giornali la voce che mancava alla gente della Ciociaria".
Possibile che questi politicanti locali non abbiano nessun senso della misura. Esaltano un personaggio vergognoso, un fascista che campa sulle spalle di noi cittadini che con le nostre tasse finanziamo i suoi fogli di propaganda.
Ricordo a Longo e ai forzisti che Ciarrapico è stato coinvolto nelle seguenti vicende giudiziarie (fonte
wikipedia):

  • Ciarrapico è stato nel 1974 condandannato dal pretore di Cassino, gli infligge una multa di 623.500 lire per aver violato per quattro volte la legge che tutela “il lavoro dei fanciulli e degli adolescenti”, sentenza confermata in Cassazione.
  • Condannato a quattro anni e mezzo di reclusione, ridotti in cassazione a 3 anni, per gli sviluppi della vicenda «Casina Valadier».
  • Inquisito anche per lo scandalo della Safim-Italsanità, il 18 marzo 1993 viene spiccato nei suoi confronti un mandato di custodia cautelare: entra a Regina Coeli il 21 marzo, insieme a Mauro Leone, figlio dell'ex Presidente della Repubblica e dirigente dell'AS Roma con la gestione Ciarrapico. I due vengono ricoverati nell'infermeria del carcere, mentre la società sportiva sprofonda nel caos. Il 24 aprile dello stesso anno a Ciarrapico vengono concessi gli arresti domiciliari.
  • L'11 maggio viene revocato il mandato di custodia cautelare ma la libertà è breve perché Ciarrapico è di nuovo arrestato e trasferito a Milano, con l'accusa di finanziamento illecito ai partiti. Nel 2000, dopo sette anni, Ciarrapico viene condannato in via definitiva, tuttavia, in ragione della sua età, viene affidato ai servizi sociali.
  • Nel 1996 è condannato anche nel processo relativo al crack del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, in primo grado a 5 anni e mezzo di reclusione, ridotti in appello a 4 anni e mezzo. Successivamente gli sono stati condonati 4 anni, e condannato a scontare gli ultimi 6 mesi in "detenzione domiciliare" per motivi di salute. La condanna è stata confermata dalla Cassazione. Non ha mai risarcito i danni alle parti civili cambiando continuamente residenza.

Questo è il personaggio che merita il vostro plauso, la prossima volta prima di osannare qualcuno informatevi...ma da chi sostiene Previti, Berlusconi e Dell'Utri è impossibile aspettarsi comportamenti diversi


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ciarrapico San Giorgio a Liri forza italia

permalink | inviato da chemako il 31/7/2008 alle 11:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
2 maggio 2008
Antifascismo sempre


Passano gli anni, si camuffano, si mimetizzano, fingono di cambiare idea, di pentirsi per il loro vergognoso passato, ma i fascisti restano sempre uguali, mai fidarsi di questi finti pentiti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Fascismo Ciarrapico Fini

permalink | inviato da chemako il 2/5/2008 alle 9:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
POLITICA
28 aprile 2008
I fascisti tornano in parlamento

A 63 anni dalla morte del dittatore fascista Benito Mussolini, ci apprestiamo a far entrare in parlamento i suoi eredi: Alessandra Mussolini e Giuseppe Ciarrapico.
Alessandra Mussolini resterà alla storia per la sua illuminata capacità politica "Meglio fascista che frocio." e per le sue "capacità" di attrice.
Ciarrapico editore "illuminato" che ha pubblicato "Le Waffen SS", Per l’ordine nuovo, Fascismo ieri e oggi, Interrogatorio alle destre, Il libro nero del comunismo, Elogio e difesa di Giulio Evola, Freda Francesco, il Fronte Nazionale e Diario di un naziskin.
Condannato nel 1974 dal pretore di Cassino (Fr) per aver violato 4 volte la legge che tutela  “il lavoro dei fanciulli e degli adolescenti”, sentenza confermata in Cassazione. Condannato a quattro anni e mezzo di reclusione, ridotti in cassazione a 3 anni, per gli sviluppi della vicenda «Casina Valadier». Inquisito anche per lo scandalo della Safim-Italsanità, il 18 marzo 1993 viene spiccato nei suoi confronti un mandato di custodia cautelare: entra a Regina Coeli il 21 marzo. Il 24 aprile dello stesso anno a Ciarrapico vengono concessi gli arresti domiciliari. L'11 maggio viene revocato il mandato di custodia cautelare ma la libertà è breve perché Ciarrapico è di nuovo arrestato e trasferito a Milano, con l'accusa di finanziamento illecito ai partiti. Nel 2000, dopo sette anni, Ciarrapico viene condannato in via definitiva, tuttavia, in ragione della sua età, viene affidato ai servizi sociali. Nel 1996 è condannato anche nel processo relativo al crack del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, in primo grado a 5 anni e mezzo di reclusione, ridotti in appello a 4 anni e mezzo. Successivamente gli sono stati condonati 4 anni, e condannato a scontare gli ultimi 6 mesi in "detenzione domiciliare" per motivi di salute. La condanna è stata confermata dalla Cassazione. Non ha mai risarcito i danni alle parti civili cambiando continuamente residenza. Si narra, e non credo sia una leggenda metropolitana, che sia residente in una baracca.
Questi "grandi" personaggi siederanno nel nostro parlamento in quota partito dei leccaculo (pdl), grazie a queste non votazioni che hanno espropriato i cittadini del diritto costituzionale di scegliere gli eletti e grazie a questa informazione servile che omette i fatti per diffondere opinioni funzionali al potere.

politica interna
10 marzo 2008
CANDIDATURE IMPRESENTABILI. PRIMA PUNTATA

Il fascista Ciarrapico (editore con i contributi statali di 11 giornali locali, ex presidente della Roma) dopo aver partecipato alla riunione fondante del Partito democratico ha rilasciato alla Stampa, il 14 marzo 2007, un’intervista nella quale ha dichiarato <<’sta destra imbalsamata…Ma chi la vole? E’ ‘na mondezza. Bettini è un uno straordinario cervello, un politico fine, colto, arguto. Il solo ad aver capito realmente che le differenze in politica sono un valore. Fini è un ometto impettito e deprecabile, un islamico-sionista, un furbetto. Guardi, io quell’uomo l’ho sempre detestato, An non esiste più, finita. La destra non esiste più, e Fini non è il colpevole unico, il resto della truppa non è diversa da lui, Gasparri tiene famiglia, La Russa poi. Gli altri? Francamente li trovo impresentabili>>.

Poi dopo un anno ha cambiato idea nuovamente e decide di candidarsi nel Pdl insieme a quell’“ometto impettito e deprecabile, un islamico-sionista, un furbetto” di Fini.

Riporto le dichiarazioni di questo soggetto riportate dall’Adnkronos

Roma, 10 mar. (Adnkronos)- "Il fascismo mi ha dato sofferenze e gioie. Mai rinnegato, mai confuso, mai intorpidita la mente da pensieri sconclusionati e antistorici". Lo afferma a "La Repubblica" l'editore Giuseppe Ciarrapico che aggiunge: "Con Berlusconi l'amicizia e' di antica data. E il suo ingegno è davvero raro. Sabato al Palalido di Milano ho conosciuto la potenza di questo movimento". E all'ex premier e leader del Pdl Ciarrapico riconosce una "intelligenza vivissima". Ciarrapico, quindi, sui carichi penali e sul decalogo diramato da Sandro Bondi, sottolinea: "Ho tutti i diritti civili e politici integri. Bondi badi alle vicende altrui e non inganni il tempo con riflessioni sul sottoscritto". "L'ultima volta che sono stato a Predappio -continua l'editore- era, mi pare, ottobre. Sedicimila persone. E quando prendo la mia barchetta in estate e vado Gallipoli faccio sempre un salto dov'è sepolto Starace". Infine, guardando alla difficoltà di far rialzare l'Italia, Ciarrapico taglia corto: "Come si disse: governare gli italiani non e' faticoso. E' totalmente inutile".

sfoglia
agosto        ottobre


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics