.
Annunci online

luigirossi
il blog di chemako
POLITICA
6 ottobre 2007
AEROPORTO A FROSINONE

I Verdi della provincia di Frosinone esprimono piena solidarietà al partito della rifondazione comunista per l’attacco e la successiva estromissione dalla giunta (ora congelata, il nostro presidente provinciale è sempre pronto a cambiare idea in poche ore) subita dal presidente della provincia Scalia.
La posizione del Prc sull’aeroporto è la stessa che abbiamo noi Verdi di Frosinone. Una posizione comune a quanti non sono disposti a vedere sacrificata la salute dei cittadini e l’ambiente sull’altare di fantomatici e non dimostrabili vantaggi economici.
La presa di posizione del presidente Scalia, che estrapola solo alcune parti del programma elettorale, è tanto più inaccettabile se si pensa che a livello nazionale noi della Sinistra popolare, il termine radicale poco spiega che tipo di sinistra vogliamo rappresentare, veniamo attaccati perché il 20 ottobre manifesteremo per ricordare al nostro governo gli impegni assunti nel 2006.
Estrapolare alcune parti del programma per cercare di difendere una scelta che va contro l’interesse dei cittadini della Ciociaria è una manovra arrogante che non possiamo accettare. Una manovra che svela la vera anima del nascente Pd, un partito che, nella nostra provincia in particolare, vuole egemonizzare ogni posto, ogni decisione.
La normale dialettica politica dovrebbe essere il fulcro dell’azione di ogni buon politico, arrivare a formulare dei diktat inaccettabili è segno di debolezza da parte di chi cerca di imporre le proprie idee senza ascoltare le ragioni degli altri.

Nelle prossime ore riumiremo le forze dela Sinistra per dimostrare una volta di più che anche su questo punto la Sinistra dell'Unione è pronta a parlare con una sola voce.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Rifondazione verdi frosinone

permalink | inviato da chemako il 6/10/2007 alle 6:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
POLITICA
25 agosto 2007
LA CASTA NON SI ARRENDE

In questi ultimi giorni Walter Velroni è impegnato nel convincere i cittadini che lui non rappresenta l’ultimo tentativo di Margherita e Ds di riciclarsi per evitare di essere cancellati.
Il sindaco di Roma aveva assicurato che sarebbe andato in Africa dopo aver concluso il suo secondo mandato da primo cittadini, ora si ripresenta come uomo nuovo.
Scrive lettere aperte, rilascia interviste, non dicendo quello che il futuro Pd vuole realizzare (dovrebbe dichiarare che per lui il governo attuale sta “lavorando” male) ma cercando soltanto di vendere il nuovo prodotto. Veltroni vuol far credere che un partito che nasce da un’operazione politica concepita da D’Alema, Fassino, Marini, Rutelli e vecchi apparati, sia un partito nuovo e non l’estremo tentativo di realizzare un nuovo contenitore utile soltanto a cristallizzare il potere acquisito dai soliti noti.
Tra le varie frasi di Veltroni due hanno destato la mia attenzione in particolare. La prima è “Vogliamo un partito nuovo in cui nessuno arrivi con forme organizzate o correnti, in cui tutti si sentano chiamati a mescolarsi con gli altri, in un libero scambio di idee, di convinzioni e di culture politiche che sempre di più farà sentire ad ognuno di essere non una sola cosa, ma più d'una insieme. Così si definirà la nostra nuova identità comune”, bellissima frase, un misto fra lo stile kennediano ed il politichese italiano, una frase che è l’esatto contrario dell’operazione che porterà Veltroni sulla poltrona di segretario del Pd.
La seconda è “Il Partito democratico non potrà presentarsi alle elezioni all’interno di coalizioni disomogenee sul piano programmatico e piuttosto dovrà accettare il rischio, o sperimentare l’opportunità, di correre da solo”. Questa frase per me è rivelatrice del vero obiettivo delle gerarchie del Pd, il loro “sogno” è realizzare un’alleanza con UDC, parte di Forza Italia e con altri cespugli di centro per poter finalmente mettere in pratica l’isolamento di tutti quei partiti che provano a rappresentare (mai degnamente) la Sinistra nel nostro paese.
Rifondazione comunista, Verdi, Comunisti Italiani e Sinistra Democratica parlano da mesi della necessità di dare una nuova struttura alla Sinistra italiana, ma continuano a parlare senza dare risposte concrete agli elettori, in questo modo riusciranno soltanto a far aumentare in modo esponenziale coloro i quali decideranno di non andare a votare.
A destra le cose non vanno meglio e Berlusconi non riesce a far altro che rispondere alla nascita del Pd andando da un notaio e registrando un nuovo partito imponendo già il futuro segretario, quella Maria Vittoria Brambilla catapultata ai vertici del centrodestra soltanto perché nelle grazie del creatore e padrone di Forza Italia e non certo per meriti politici.
Nel nostro paese siamo di fronte all’estremo tentativo della casta di difendersi, tutti sono impegnati nel cercare di mantenere il proprio poter infischiandosene dei problemi dei cittadini e sono pronti a tutto pur di non mollare le loro poltrone.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pd Verdi Rifondazione Sd Pdci Veltroni casta

permalink | inviato da chemako il 25/8/2007 alle 10:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
POLITICA
12 agosto 2007
L'ITALIA HA BISOGNO DELLA SINISTRA

La Margherita e i D.s. hanno accelerato, ad ottobre proveranno a far nascere un nuovo partito di centro, con lo scopo di poter governare senza la presenza della sinistra, magari alleandosi con l’UDC del “cattolico” Casini. Questa deriva centrista deve essere riequilibrata da una forte e coesa Sinistra.
In questi mesi si percepisce (basta parlare con la gente e non rinchiudersi nelle stanze con il solito “ceto” politico) il bisogno di Sinistra che c’è nel nostro paese.
Gli italiani chiedono sostegno alle fasce più deboli, lotta senza quartiere al precariato, abbattimento dei privilegi e dei costi della politica, difesa dell’ambiente, tutte prerogative che devono (purtroppo dovrebbero) essere il pane quotidiano per chi fa Politica di Sinistra. Invece assistiamo ad un continuo rimbalzarsi la palla tra Sinistra democratica, Verdi, Pdci e Rifondazione, nessuno che comprenda che questa nostra divisione è pericolosa per la “vita” della Sinistra in Italia. Gli elettori ci chiedono una risposta adeguata e rapida alla loro forte richiesta di Sinistra. Ci chiedono unità, ci chiedono di lasciar perdere i nostri “orticelli” e di impegnarci per risolvere i problemi che stanno affossando la nostra Italia. Ci chiedono di smetterla di discutere e di iniziare ad agire. Personalmente sono convinto che bisogna andare oltre i leader dei partiti della sinistra, la loro difesa dell’orticello è pericolosa, noi compagni della base, noi che cerchiamo i voti mettendoci la faccia, dobbiamo fare un grande sforzo di unità, dobbiamo ricominciare a far politica fuori dalle stanze della casta, dobbiamo far politica tra il Popolo e per il Popolo, dobbiamo ritornare a rappresentare la Sinistra.

sfoglia
settembre        novembre


Attratti dalla calamita
L'ANTIPOLITICANTE
ERMES
ALICE (lo splendido LunaParkMentale)
OCCHI COME IL MARE
LA SCRITTURA CREATIVA
ROSSO ANTICO
MEDITERRANEO BLU (blog in letargo)
terzostato
COMPAGNO FRANCESCO
misswelby
Mr.Tambourine
gizm0
Maria Rubini
LA BATTITURA (blog in letargo)
L'ARCHEOLOGA VERDE (blog in letargo)
UN COMPAGNO A PRAGA
GALATEA
PENNAROSSA
COMPAGNO FABIO
RINASCITA NAZIONALE
SCACCHI E JAZZ
GIACOMO
FIOREDICAMPO
UN PRETE NO GLOBAL
CRISTINA
BEPPONE
UN GRAN TALENTO
SERAFICO
ELIOLIBRE
ARADIA - IL PANE E LE ROSE
QUALCOSADIRIFORMISTA
DRACULIA
TIZIANA ED EMANUELE
ALSOM (blog in semiletargo)
ATTIMO FUGGENTE (blog in letargo)
ANTIGUA (blog in letargo)
CAOSEKOSMOS
LOU MOGGHE (blog in letargo)
TRITON (blog in letargo)
IL CAVALIERE ERRANTE (blog in letargo)
IL POSTO DELLE FRAGOLE (blog in letargo)
FULMINI
RIGITANS
IRENE
CLAUDIA, BELLA E INTELLIGENTE
COMPAGNA LIA (blog in letargo)
ADELE PARRILLO
PIERO RICCA
SA ESSERE UN PREZIOSO SUGGERITORE
ZIAGRARIAAMA
LADYTUX
KORVO ROSSO
CONTROBAVAGLIO (blog in letargo)
COMPAGNO NICOLA
ZADIG
ROSASPINA
semplicemente VULCANOCHIMICO
ALZATACONPUGNO (blog in letargo)
LAURA
MESLIER (blog in letargo)
YCHE
KIA
LA PROFESSORESSA
SHAMAL
LUNA (blog in letargo)
ANTONIO MASOTTI (blog in letargo)
NONSIAMOPERFETTI
COMPAGNO IRLANDA
LA PETIZIONE (blog in semiletargo)
IGUANA BLU (blog in letargo)
IOESISTO (Barbara)
FRANCESCA (blog in letargo)
NOMEFALTANADA (blog in letargo)
ULTIMO DEI RIBELLI (blog in letargo)
SCIURET (blog in letargo)
ESTHER (blog in letargo)
GARBO
MIKYROSS (blog in letargo)
GIUSEPPE (blog in letargo)
ALESSIA
GABRI/BABELLE
BEPPE CAVALLO
MICHELA (blog in letargo)
MARIA (blog in letargo)
CUORE DI VETRO (blog in letargo)

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Luigi Rossi | Crea il tuo badge
Luigi Rossi Adotta un bambino a distanza – SOS Villaggi dei Bambini Greenpeace Italia

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO


                         




 

Berluscounter!

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

blog italia, directory blog italiani

lettera aperta
al compagno Luigi

9 dicembre 2005

Compagno Luigi,
ti chiamo compagno, in quanto mangiamo alla stessa tavola della lotta e condividiamo il pane della rabbia e della voglia di cambiare.
Diversi impegni tengono noi entrambi su una corda, come dei funammboli con la benda sugli occhi e senza alcuna protezione sotto di noi.
A volte accadono delle cose e si perde l'equilibrio, col rischio di cadere per terra, col rischio di morire dentro. Ma spesso, quando un funambolo perde l'equilibrio, c'è sempre uno che, tenendosi stretto a una corda d'emergenza, gli va incontro e gli tende una mano.
Così vorrei fare io con questo post. E non preoccuparti di prendere, oltre alla mano, anche il braccio; sei un compagno, è il minimo che possa darti.

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti,
venite portaborse, ruffiani e mezze calze,
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto del qualunquismo un arte,
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo bel paese.
Non me ne frega niente se anch' io sono sbagliato,
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

[
c'è bisogno di dire il titolo e l'autore di questa canzone?]

un abbraccio,
Nicola

  
Che Guevara
assassinato il 9 ottobre 1967


Ingrid Betancourt
rapita il 23 febbraio 2002


Peppino Impastato
assassinato il 9 maggio 1978


Rosario Livatino
assassinato il 21 settembre 1990





post<li> 

Performancing Metrics